womens nike free flyknit Kobe X Sale Nike Roshe One Shoes price zapatos casual unisex Stan Smith Adidas Moncle Jackets kaufen adidas neo shoes womens 2014 Nike Free Nike Magista Obra Nike Free Run New Balance G¨¹nstig Kaufen Curry 2 Shoes Adidas ZX 850 shoes online Air Jordan 4 products Curry 2 Shoes Nike Air Jordan 4 Cheap Nike Flyknit Air Max Adidas Superstar Ofertas Curry 2 for sale Nike Air Max 1 Ultra Moire store adidas yeezy boost 350
 
EVENTI
LIBRI DI TESTO

Mirtilli Morgana, Claudia Boselli e Sonia Beretta hanno visitato moltissime scuole americane tra il 2007 e il 2015 e hanno presentato agli insegnanti il Progetto Ciao.it e Superciao.it, per l'insegnamento della Lingua e della cultura italiana, predisposto per i gradi K-12.
 

L'Equipe sara' nuovamente negli States dal 1 settembre al 20 settembre 2015
 

Chi fosse interessato a una presentazione dei libri: Ciaoit e Superciaoit

o al NUOVO CORSO DI ITALIANO: SUPERCIAOATUTTI

può rivolgersi a:
mirtilli.morgana@studio-arcobaleno.it




VIAGGI IN ITALIA

Studio Arcobaleno srl. - Italia - New York

propone per il 2016 splendidi premi per i viaggi in Italia per studenti, famiglie e gruppi di adulti appassionati dell'Italia.




WORKSHOP - TRAINING - FORMAZIONE

Presso  Iace - NY - Training Superciao a tutti e Progetto K-6
12 settembre 2015
19 settembre 2015

Presso Consolato Generale di NY - Corso di formazione il Teatro a scuola
7 novembre 2015
Los Angeles - Corso di formazione il Teatro a scuola
15 novembre
 
Presso SCUOLA D'ITALIA, NY
1-4 settembre 2015

 
NEWSLETTER

Inserisci la tua email



 
 
VACANZE STUDIO

VACANZE STUDIO IN ITALIA

Da Sunnyside a Tontytown

Le colonie agricole italiane nel profondo Sud

Arrivarono da Roma e sbarcarono a New Orleans. Da lì risalirono il grande Mississippi con i battelli della Anchor Line di Austin Corbin, e arrivarono a Sunnyside. Nell'Arkansas.

Non tutti gli italiani che scelsero l'America alla fine dell'Ottocento, arrivarono sulle banchine di Ellis Island. Qualcuno vi arrivò dalla porta di servizio, negli Stati Uniti, per dare poi vita ad un progetto destinato a fare epoca nelle terre malmesse del profondo Sud.

Era il caso degli italiani di Sunnyside, ma non furono i primi. Il battesimo, per le colonie agricole italiane degli stati del Sud, spetta all'anonimo Friar's Point, nel delta dello Yazoo. Salito agli onori della cronaca nella guerra civile americana, questo fiume continuava ad attirare su di sé progetti di bonifica destinati a fallire. Gli italiani di Friar's Point, nel 1885, rappresentarono invece il primo passo per la sistemazione definitiva di questo intrico di acqua, melma e piante tropicali. Seguirono altre colonie nelle contee di Cahoama, Washington e Bolivar, ma fu Sunnyside a trattenere la maggior parte degli agricoltori italiani.

La storia di Sunnyside nasce dalla mente organizzativa di Austin Corbin, proprietario della Long Island Railway e filantropo "nordista". Egli si accordò con il principe Emanuele Ruspoli per reclutare direttamente in Italia gli agricoltori della sua impresa. E Ruspoli rispose positivamente inviando nelle terre del Sud, barbieri, sarti, calzolai ed altri artigiani!

Confusi, disorientati, in balia di una lingua sconosciuta, gli italiani ricevettero i ferri del mestiere: attrezzi agricoli, cavalli da tiro, torchi, carretti, macchine per imballare il cotone. Non c'era scelta, bisognava trasformarsi in agricoltori e bisognava farlo bene. I sovrintendenti di Corbin non conoscevano mezzi termini e per loro i "latinos" erano uguali ai neri.

Il grande "benefattore" del resto aveva regalato ai suoi immigrati una chiesa, una scuola, un ufficio telegrafico e case coloniche. Non si poteva protestare.

Gli italiani si rassegnarono al loro destino e si trasformarono in agricoltori. Lo fecero talmente bene da rappresentare un esempio per le altre colonie della zona. Sunnyside divenne un punto di paragone e gli italiani entrarono nel cuore dei "proprietari" americani, con la loro straordinaria produttività.

"facevano crescere il cotone perfino sulle sponde dei fiumi, che non avevano mai conosciuto l'aratro"... queste le parole di encomio per i nostri connazionali, trasformati in novelli schiavi della terra. Nacque il mito dei Dago, quegli italiani sempre pronti a lavorare, bevitori di un vino aspro e consumatori di ortaggi coltivati davanti alle loro modeste case.

Per chi arrivava a Sunnyside il paesaggio americano cambiava totalmente. Fagioli appesi a seccare, peperoncini e malva, pannocchie di granturco: le residenze degli italiani erano letteralmente tappezzate dei prodotti della terra. Essi risparmiavano sulla carne e mangiavano cicoria, scarola, radicchio. Vestivano decorosamente i loro figli e provvedevano al decoro delle loro abitazioni. Ma tutto questo fu inutile nella lotta contro la bonifica del grande delta. Sunnyside non venne mai totalmente risistemata e rimase un focolaio di malaria pronto a mietere inesorabilmente le proprie vittime. Anche Corbin morì dopo poco tempo e la colonia agricola, lasciata a se stessa, entrò in decadenza. Il prezzo del cotone era sceso, la mortalità (tra donne e bambini) era aumentata considerevolmente, i piani organizzativi languivano nei cassetti dei nuovi proprietari.

In tanti lasciarono Sunnyside, qualcuno restò e molti morirono. Sunnyside finì nelle mani dei profittatori e soltanto quaranta famiglie resistettero nell'inferno del profondo Sud. Di esse pochissime sono arrivate fino ai nostri giorni per testimoniare di un'epoca esaltante del lavoro italiani in America. I giornali di inizio secolo diedero grande risalto alla tenacia degli italiani, esaltando le loro doti e innalzando Sunnyside al rango di modello nazionale.

Se questo esperimento finì, altrettanto non successe per le altre colonie agricole italiane nate negli stati del Sud. Nel Missouri sorse Knobview, ( gli italiani la chiamarono Montebello ), e nello stesso Arkansas nacque Tontitown, in onore del padre dell'Arkansas, quell'Enrico Tonti protagonista della frontiera americana. Fu Padre Pietro Bandini, un giovane prete italiano, a dare la svolta nella storia degli agricoltori italiani d'America. Ottenuta un'opzione su novecento acri di terra nella contea di Ozark ( a confine con il Kansas e l'Oklahoma), Bandini vi condusse alcuni reduci di Sunnyside. Il terreno, in gran parte pietroso e cespuglioso, si presentava ben misero, ma aveva il pregio di essere attraversato dalla linea ferroviaria. E alla St. Louis & San Francisco Railroad gli agricoltori si rivolsero per comprare il sito, ottenendo il prezzo di un dollaro per acro.

Iniziò così l'epopea di Tontitown. Dall'Italia padre Pietro fece arrivare semi, piante, fiori, attrezzi, larve di insetti per la lotta biologica; la regina Margherita di Savoia inviò i suoi arredi per la chiesetta della comunità, dalle vicine foreste si ottennero tronchi per costruire case. Gli agricoltori di Bandini lavorarono duramente e dopo alcuni anni erano riusciti a piantare la vite, a far crescere i frutteti e ad allevare bestiame da latte. Ma le avversità non lasciarono la comunità italiana. Al ciclone che distrusse il primo raccolto di fragole e ortaggi, gli italiani di Tontitown risposero andando a lavorare nelle miniere di zinco e carbone nel vicino Oklahoma. Alla gente di Ozark, ostile in gran parte ai nuovi venuti, essi risposero con pugno di ferro, reagendo alle azioni piromani con minacce di rappresaglia. Avevano dalla loro una guida d'eccezione: Pietro Bandini infatti era stato ufficiale dell'esercito italiano e sapeva anche maneggiare le armi da fuoco. Sotto la guida del loro condottiero religioso la comunità prosperò e si allineò agli standard agricoli moderni.

Gli italiani andarono a scuola e studiarono tutti i metodi moderni di rotazione culturale, i procedimenti scientifici per migliorare il rendimento della vite, degli alberi da frutta e dei cereali. Nella contea di Ozark le cipolle, i piselli, le mele di Tontitown divennero famosi e la colonia di affermò come vero e proprio modello. Nel 1912 nelle terre italiane esistevano un caseificio, una fabbrica di scope, una fabbrica di laterizi, un laboratorio di fabbro e uno di calzolaio e ancora altro poteva nascere in questa comunità se non fosse sopraggiunta la morte di padre Bandini, nel 1917. L'ultima promessa, la padre Pietro, l'aveva strappata al papa e alla regina madre: indirizzare l'emigrazione italiana verso i terreni dell'Ovest e non più verso le grandi città della costa orientale.

Tontitown visse ancora per vari anni e si integrò alla perfezione nella regione. Anche un'altra colonia italiana riuscì a salire agli onori della cronaca: si trattava di St. Joseph, nella contea di Conway, a novanta chiometri da Little Rock. Qui arrivarono 150 migranti di Campobasso che avrebbero lasciato il segno con le loro "strambe" abitudini matrimoniali. In ossequio ad un'usanza tipicamente sudista, gli italiani adottarono l'abitudine di sposarsi giovanissimi.

C'erano numerosi mariti diciassettenni e mogli tredicenni, tanto da lasciare interdetto l'ambasciatore italiano che si era recato a fare loro visita. Fu l'ultima delle esperienze comunitarie nel profondo Sud. Nello stato più chiuso, più introverso e meno cosmopolita degli Stati Uniti, gli italiani avevano portato un po' di pepe e variegato le usanze e i costumi locali. Non arrivarono mai oltre le duemila unità, rappresentando comunque una minoranza di peso nell'isolato stato del Sud, e lasciando un segno indelebile nella coltivazione dei loro frutteti.

  • giacca giubbino bomber peuterey zoe verde acqua 2017
  • moncler uk shop online 2016
  • woolrich home comforter 2017
  • birkin hermes struzzo prezzo
  • Www.hogan.Com Prezzi
  • ciabatte ugg 2017
  • scarpe fendi con logo 2017
  • chanel boy purseforum 2016
  • celine lvmh 2017
  • offerte di lavoro prada milano 2017
  • burberry uomo milano 2017
  • quanto costano gli orecchini di chanel 2016
  • louis vuitton sito ufficiale italiano borse
  • infradito donna gucci prezzi 2016
  • borse disconto
  • celine borsa outlet
  • outlet cuffie
  • scarpa hogan
  • Italia Outlet
  • moncler outlet
  • borse outlet
  • prada borse outlet
  • Polo
  • cheap beats
  • Cheap shoes store
  • High-heeled Shoes
  • adidas shoes
  • Lucy Jerseys
  • mary jerseys
  • bags outlet
  • Cheap Moncler Outlet
  • Cheapest UGG Outlet Sale Online Store
  • Top Quality Canada Goose Outlet
  • Luxury Bags
  • cheap nba jerseys
  • Moncler En Ligne
  • Cheap NHL Jerseys
  • Italian Borse
  • cheap nfl jerseys
  • cheap nhl jerseys
  • cheap nba jerseys
  • cheap mlb jerseys